7 Giugno Giu 2017 0952 07 giugno 2017

I paesaggi della susina e dell'albicocca e le culture storiche

Estratto da
Sfoglia la rivista on-line

Agli utenti fedeli interessati alla nostra rivista abbiamo dedicato alcune aree riservate del nostro sito.

Accedi o registrati gratuitamente per consultare i contenuti aggiuntivi del nostro sito, bastano pochi secondi!

Scarica l'Articolo

Autore

Paesaggi Susina 1
Paesaggi Susina 2
Paesaggi Susina 3
Paesaggi Susina 4
Paesaggi Susina 5

Dal primo secolo dopo Cristo sino ad oggi, l’albero del susino e dell’albicocco si è diffuso velocemente in quasi tutta l’Italia, in modo quasi discreto, insieme ad altri alberi da frutta.
Tuttavia in alcuni territori, la sua presenza risulta predominante e finisce con incidere sula percezione del paesaggio. Fondamentalmente le aree di massima concentrazione e bisogna aggiungere di grande qualità, del susino e dell’albicocco sono l’Emilia, in particolare la zona agricola di Vignola, e la Campania. Vignola è famosa sopratutto per il suo antico Castello, che ancora oggi sovrasta, la piccola città di provincia. Dall’alto delle sue mura, guardando oltre le case della cittadina, si può ammirare un ordinato e industrioso paesaggio agricolo, nel quale dopo il ciliegio, susine e albicocche, rappresentano gli organismi vegetali più diffusi.

Campania
Probabilmente, dal punto di vista delle bellezze artistiche e archeologiche, ben pochi paesaggi agricoli possono reggere il confronto in termini di bellezza, con i territori campani nei quali susini e albicocchi vengono coltivati nelle vicinanze di capolavori come i templi di Paestum o i resti della antica città romana di Pompei.
Anche se spesso le incurie rovinano la fruizione del territorio paesaggistico, bisogna riconoscere che quando l’agricoltura campana viene effettuata con dovizia, i paesaggi arricchiti da immense opere d’arte presenti sul territorio, non temono confronti. In questi casi, è facile accorgersi quanto le colture degli alberi da frutto, come il susino e l’albicocco, si trovino a loro agio ed evochino il sentimento che di solito proviamo quando qualcosa ci appare sotto il registro dell’autenticità.

Basilicata
La produzione frutticola lucana trova nel metapontino l’area principalmente vocata con una grande offerta di frutta estiva tra cui albicocche e susine.
Il Metaponto concentra i tre quarti della superficie agricola lucana destinata alla frutticoltura.
Un territorio in cui la frutticoltura rappresenta una grande avanguardia produttiva ma un territorio anche ricco di storia e tradizioni che accompagnano lo sviluppo produttivo.
La Basilicata è una terra ricca di miracoli e di sorprese e ne è un esempio luminoso la Città di Matera unica al mondo per configurazione e paesaggi contrastanti.
Nel 1993 venne posta sotto tutela dell’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità. Con il passare degli anni Matera ed i suoi Sassi divengono una meta turistica.
è la città delle caverne e delle case contadine scavate nella roccia, dei villaggi trincerati e delle chiese rupestri, della Basilica Cattedrale da cui si gode una vista superba sul Sasso Barisano.
è la città dei miracoli, un tocco di Terra Santa in Basilicata e sarà Capitale europea della cultura nel 2019.

CONSIGLI PRATICI

Susine
A seconda del gusto individuale si dovrebbe scegliere la tipologia di susina preferita facendo attenzione a due aspetti fondamentali: al colore della buccia che dovrebbe essere intenso e brillante; alla consistenza della polpa che dovrebbe essere soda ma non dura e infine alla pruina esterna che caratterizza alcune tipologie varietali, da preservare integra a indicazione di limitate manipolazioni.

Albicocche
Per scegliere buone albicocche la polpa deve risultare soda ma non dura (sintomo che i frutti sono ancora acerbi); il frutto deve quindi essere morbido ma non deve cedere eccessivamente alla pressione.
Vanno preferite albicocche sane, pulite, vellutate al tatto e con una buona fragranza ed odore. I frutti maturi possono essere conservati in frigo in un contenitore o cassetto di plastica per pochi giorni prima del consumo.

GUSTO E SALUTE
Susine e albicocche sono frutti particolarmente adatti ad un consumo frequente, anche fuori dai pasti, come snack spezza fame durante la giornata.
Sono frutti estremamente ricchi di sostanze salutari e benefiche. La susina è ricca di fibre, zuccheri semplici e composti fitochimici antiossidanti naturali.
La albicocca è un frutto ricco di beta carotene, zuccheri semplici e vitamina C.
La dolcezza, la consistenza della polpa le rendono frutti dissetanti ed appaganti senza troppe calorie.

Allegati